Computer gaming Vs Console

No comments yet

computer gaming vs console

Ci sono molte correnti di pensiero, chi dice che le console siano migliori, chi dice che i computer da gaming siano imbattibili, chi li possiede tutti e due.

Un dilemma importante, meglio un computer da gaming o la console per giocare?

Un dilemma che ha fatto la voce importante negli ultimi dieci anni e anche più.
Quando si vogliono comprare videogiochi ed un nuovo dispositivo per giocare con essi è sempre difficile decidere cosa acquistare.

Questo perchè ci sono diversi fattori da dover contare, in primis il budget, il prezzo che si decide di spendere, perché ad esempio per usare un pc che ti duri negli anni a venire si ha bisogno di un budget intorno ai mille euro mentre se intendiamo prendere una console i costi sono circa la metà.
Come tutti noi ben sappiamo da anni nel mondo del commercio e dei videogiocatori ci sono delle continue lotte, per quanto riguarda il mondo delle console tra Playstation e Xbox e anche da PC. Negli ultimi anni il PC comunque sia sta diventando la piattaforma principale proprio per le caratteristiche che offre ai videogiocatori, come ad esempio le prestazioni che sono quasi il triplo di quelle offerte dalle console e sicuramente anche i videogiocatori di PC hanno la possibilità di sbloccare la frequenza del monitor permettendo quindi di vedere l’immagine piu’ fluida a differenza delle console.

Le console: stesso hardware per anni e potenza limitata nel tempo

Partiamo col dire che la console, qualunque tipo, è progettata per video giocare e basta.
Proprio per questo le console sono accessibili alla maggior parte delle persone, prendiamo ad esempio un bambino piccolo, se il bambino vuole giocare ad una console accende ed inserisce il gioco oppure lo apre dal menù di avvio, semplice.
Consideriamo una Playstation 4, è una console che nel tempo è durata sette anni, dal 2013 all’ imminente anno 2020. Proprio per questo molte persone preferiscono comprare una console, perchè dura nel tempo e costa relativamente meno rispetto ad un computer progettato per il gaming.
Però, c’è sempre un però, anzi, da sempre.

Gli hardware di una console non sono modificabili, perciò più passano gli anni dall’uscita della console, più i videogiochi delle case di produzione migliorano la grafica e con essa cpu ed altro che permettono di richiedere un maggior sforzo da parte delle console per poterle leggere. Per prevenire questo aspetto, prendendo sempre la Playstation 4 come punto di riferimento,
L’azienda della Play 4, la Sony, ha deciso di rilasciare il 15 settembre 2016 la console Playstation 4 Pro che va a potenziare l’hardware rispetto alla sua forma iniziale.
Stessa cosa ha fatto Microsoft, l’azienda possessore di Xbox one, praticamente ha rilasciato ad agosto 2016 una console chiamata Xbox One S (che sta per scorpio) più piccola, che presenti l’accoglienza dell’ Ultra HD, cioè il 4k e soprattutto ha migliorato le componenti hardware. Se si vuole potenziare qualcosa della console l’unica cosa che è possibile aggiungere è un componente che si una anche nei computer, un SSD che sostituisce gli Hard Disk magnetici un pò datati.
La prima Playstation 4 è stata bloccata a 60fps, cioè frame per secondo, ma alcuni giochi vanno a 30fps. Se si ha un valore sopra o uguale a 60 fps possiamo giocare a piena fluidità ad un gioco, se si scende sotto i 60 dà al video giocatore una sensazione di fastidio che difficilmente potrà sparire.
Le console però hanno un vantaggio che i computer gaming non hanno, ossia molti giochi che possiedono l’esclusiva giocabilità su quella console.
C’è comunque un fattore che influenza, i giochi ps4 appena usciti costano all’ incirca 70€, quindi occhio.

I nuovi pc gaming, potenza senza limiti e sempre aggiornabili

D’altro canto abbiamo i pc gaming, che come ho anticipato nella premessa, sono leggermente migliori delle console sotto alcuni punti di vista.
Sicuramente un computer gaming assemblato da 500€ è meno performante delle console, e su qui non ci piove, con il doppio del prezzo e forse qualcosa in più però si ha un computer che può durare anche dieci anni, forse addirittura quindici.

La sfortuna dei pc a basso costo è quella di dover sopportare il peso degli fps. Se si utilizza un pc con scheda video Nvidia o AMD, praticamente quasi tutti i pc, si ha la possibilità di cambiare le impostazioni grafiche e non solo attraverso il pannello di controllo di queste due marche, grazie a delle impostazioni chiamate ottimizzazione con thread che consente alle applicazioni di sfruttare più CPU, il filtro anisotropico che se disattivato permette di giocare ad una fluidità maggiore a discapito della grafica, molto utile per chi ha intenzione di giocare competitivo o comunque ad una fluidità maggiore rispetto alla scheda video.

Poi esistono vari monitor che permettono al giocatore che possiede un computer molto prestante di superare la soglia di 60 hertz (abbreviato hz)di un monitor normalissimo, si passa dai 60hz ai 144hz fino addirittura al ben più costoso 240hz.

Questi hertz stanno a significare la frequenza di aggiornamento del monitor cioè quante volte l’immagine viene aggiornata in un secondo, quindi se si possiede un 144 l’immagine verrà riprodotta 144 volte al secondo, permettendoci di avere una maggiore flidità rispetto al 60hz.
Se da una parte abbiamo le console che possiedono delle esclusive che costano inizialmente 70€, dall’altra parte abbiamo un mercato di “chiavi” digitali che permettono di comprare un gioco a meno del prezzo originale, spesso anche sotto ai 30€, niente di illegale.

In sostanza, quindi, a quanto si può costatare, più spendiamo maggiori sono le prestazioni che vorremmo raggiungere. Il pc è sicuramente più buono se si vogliono avere alte prestazioni, le console sono invece più adatte a gente che non si interessa troppo delle prestazioni e preferisce giocare e soprattutto alle esclusive.
Giriamo la domanda a voi,  scegliete con attenzione con quale delle due fazioni schierarsi, console o pc gaming.


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *